A ottobre le imprese italiane prevedono di assumere quasi 282.000 persone. Il dato è comunque più basso del 27,9% rispetto all’ottobre 2019. La stima è contenuta nel bollettino del sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal, che sottolinea come salga al 13% la quota delle aziende che programmano assunzioni a fronte del 10% di settembre. Quasi la metà delle imprese segnala anche problemi di liquidità nei prossimi sei mesi, una quota in miglioramento rispetto al 58% di agosto. Il 32,5% delle figure cercate per le assunzioni è ritenuta dalle aziende di difficile reperimento.

In un quadro economico “complessivamente ancora caratterizzato da forte incertezza per l’andamento dell’emergenza sanitaria e per i tempi di superamento della crisi economica, scrive Unioncamere, buona parte delle imprese (82,8%) ritiene che i livelli di produzione e vendita potranno tornare a condizioni “accettabili” solo nel corso del 2021, in particolare il 46,9% di esse sposta direttamente al secondo semestre 2021 la possibile “normalizzazione” delle attività. Sempre elevata la quota di imprese che segnala problemi finanziari per carenza di liquidità nei prossimi sei mesi: è pari al 49,4%, sebbene in discesa rispetto al 58,4% di agosto.

A livello territoriale 89 mila assunzioni sono previste nelle regioni del Nord Ovest, 74mila nel Sud e Isole, 59mila nel Nord Est così come nel Centro. Il Nord Est è l’area che registra la peggiore flessione rispetto alle assunzioni dell’ottobre 2019 (- 30%). Quasi la metà dei posti di lavoro (126mila) si concentrano nel area produzione e ed erogazione del servizio, 55mila in funzioni commerciali e marketing, 39mila nella ricerca e sviluppo. Il tipo di mansione in cui le azienda faticano di più a reperire figure sul mercato sono quelle relative ai sistemi informatici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Tutto ha un prezzo”, un diavolo ci accompagna tra gli scaffali del supermercato: lo spot di Oxfam contro lo sfruttamento dei lavoratori

next
Articolo Successivo

Re David: “Lo sblocco dei licenziamenti a fine anno è irresponsabile. Durante il lockdown i lavoratori hanno garantito la tenuta del Paese”

next