A poche ore dalla decisione di Johnson&Johnson sul vaccino, un’altra casa farmaceutica, la Eli Lilly, una delle società sponsorizzate dall’amministrazione Trump ha dovuto interrompere un’altra sperimentazione per un altro possibile e diverso strumento per cercare di arginare l’epidemia di coronavirus: ovvero il trattamento che ricorre agli anticorpi su cui ci sono molte aspettative dal punto di vista terapeutico. Lo stop è arrivato per “possibili preoccupazioni legate alla sicurezza” come riporta il New York Times citando alcune email inviate da funzionari governativi ai ricercatori e alle cliniche interessate.

Il trattamento sperimentale di Eli Lilly ricorre all’uso di anticorpi monoclonali. Si tratta – riporta la testata americana – di un trattamento simile a quello sviluppato dalla casa farmaceutica Regeneron alla cui terapia è stato sottoposto il presidente Donald Trump dopo che gli è stato diagnosticato il Covid-19. Una terapia la cui approvazione e massiccia distribuzione, ha affermato nei giorni scorsi il presidente, potrebbe essere imminente. La settimana dopo che Trump ha ricevuto il trattamento, infatti, Eli Lilly e Regeneron hanno fatto una richiesta per una approvazione d’emergenza dei loro prodotti da parte della Fda.

Il test del trattamento voleva verificare i benefici su centinaia di persone ricoverate con il Covid-19, paragonato con un placebo. Tutti hanno anche ricevuto il Remdesivir, un altro farmaco sviluppato per curare Ebola ma utilizzato nei momenti iniziali dell’epidemia off label e da giugno approvato dall’Agenzia europea del farmaco. Non è chiaro quanti volontari nel test abbiano sviluppato complicazioni, né quali siano. Molly McCully, portavoce di Eli Lilly, ha confermato la pausa nei test: “La sicurezza è della massima importanza per Lilly“, ha sottolineato.

NOTA – In una prima versione del titolo del pezzo avevamo utilizzato impropriamente il termine “vaccini”. Ce ne scusiamo con i lettori

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Johnson&Johnson sospende la sperimentazione del vaccino: “Eventi avversi non spiegabili” su un volontario

next
Articolo Successivo

Covid, “la perdita dell’udito può essere tra le conseguenze”. Lo studio sul primo caso

next