A poche ore dalla decisione di Johnson&Johnson sul vaccino, un’altra casa farmaceutica, la Eli Lilly, una delle società sponsorizzate dall’amministrazione Trump ha dovuto interrompere un’altra sperimentazione per un altro possibile e diverso strumento per cercare di arginare l’epidemia di coronavirus: ovvero il trattamento che ricorre agli anticorpi su cui ci sono molte aspettative dal punto di vista terapeutico. Lo stop è arrivato per “possibili preoccupazioni legate alla sicurezza” come riporta il New York Times citando alcune email inviate da funzionari governativi ai ricercatori e alle cliniche interessate.

Il trattamento sperimentale di Eli Lilly ricorre all’uso di anticorpi monoclonali. Si tratta – riporta la testata americana – di un trattamento simile a quello sviluppato dalla casa farmaceutica Regeneron alla cui terapia è stato sottoposto il presidente Donald Trump dopo che gli è stato diagnosticato il Covid-19. Una terapia la cui approvazione e massiccia distribuzione, ha affermato nei giorni scorsi il presidente, potrebbe essere imminente. La settimana dopo che Trump ha ricevuto il trattamento, infatti, Eli Lilly e Regeneron hanno fatto una richiesta per una approvazione d’emergenza dei loro prodotti da parte della Fda.

Il test del trattamento voleva verificare i benefici su centinaia di persone ricoverate con il Covid-19, paragonato con un placebo. Tutti hanno anche ricevuto il Remdesivir, un altro farmaco sviluppato per curare Ebola ma utilizzato nei momenti iniziali dell’epidemia off label e da giugno approvato dall’Agenzia europea del farmaco. Non è chiaro quanti volontari nel test abbiano sviluppato complicazioni, né quali siano. Molly McCully, portavoce di Eli Lilly, ha confermato la pausa nei test: “La sicurezza è della massima importanza per Lilly“, ha sottolineato.

NOTA – In una prima versione del titolo del pezzo avevamo utilizzato impropriamente il termine “vaccini”. Ce ne scusiamo con i lettori

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Johnson&Johnson sospende la sperimentazione del vaccino: “Eventi avversi non spiegabili” su un volontario

next
Articolo Successivo

Covid, “la perdita dell’udito può essere tra le conseguenze”. Lo studio sul primo caso

next