Valtteri Bottas conquista la pole position nel Gp dell’Eifel sul circuito tedesco del Nuerburgring. Il finlandese della Mercedes gira in 1’25″269 precedendo il compagno di squadra e leader del mondiale, Lewis Hamilton. Terzo l’olandese della Red Bull, Max Verstappen. Quarto tempo e seconda fila per il monegasco della Ferrari, Charles Leclerc (1’26″035).

Quinto tempo per il britannico della Red Bull Alexander Albon che si lascia alle spalle i due piloti della Renault: l’australiano Daniel Ricciardo e il francese Esteban Ocon. A completare la top ten l’inglese Lando Norris (McLaren), il messicano Sergio Perez (Racing Point) e lo spagnolo Carlos Sainz (McLaren). Partirà in sesta fila con l’undicesimo tempo il tedesco Sebastian Vettel eliminato nel Q2 con la seconda Ferrari.

“Sempre bello quando riesci a fare il giro perfetto all’ultimo tentativo, ho fatto quello che volevo fare. Non era semplice tenere le gomme in temperatura. L’obiettivo domani è cercare di mantenere la posizione al via e puntare alla vittoria“, dice Valterri Bottas dopo aver conquistato la sua 14esima pole in carriera. “Sono contento, non ce lo aspettavamo. Abbiamo fatto dei piccoli cambiamenti, stiamo andando nella giusta direzione. E’ quello che dobbiamo fare, uno step alla volta”. Così Charles Leclerc ha commentato la sua seconda fila.

“Con la macchina che ho non posso fare di più. Parto 11° e cercherò di raggiungere il miglior risultato possibile. Magari partire non con le soft sarà un vantaggio”. Queste le parole di uno sconsolato Sebastian Vettel dopo l’eliminazione nel Q2. “La macchina non è male dal punto di vista aerodinamico, l’ultima volta che abbiamo avuto un carico simile era in Ungheria. Dovremmo andare più forte, peccato non aver capitalizzato. Gomme? Vedremo domani che strategia avere”, aggiunge il tedesco ai microfoni di Sky Sport.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1, Gp di Russia: Hamilton penalizzato, Bottas ritrova la vittoria. Le Ferrari ancora indietro

next