“Ci aspettiamo un incremento dei ricoveri“. Lo dice Sergio Livigni, responsabile del coordinamento delle terapie intensive dell’unità di crisi del Piemonte. A Torino e in tutta la Regione, infatti, sono stati aperti nuovi reparti Covid. “Ci stiamo preparando per non farci trovare impreparati come nel periodo del lockdown. I numeri dei contagi, al momento, sono lontani da quelli di quel periodo. Ora bisogna aspettare l’esito della riapertura delle scuole”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Detenuti da Genova a Roma per partecipare a Italia’s Got Talent. La direttrice del carcere: “Finalità rieducative sono in Costituzione”

next
Articolo Successivo

Per Bassetti il focolaio al Genoa è ‘la Waterloo dei tamponi’. Basta con queste sparate!

next