“Gli abbracci e l’esultanza in campo dovrebbero essere vietati”. Parola del viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, intervenuto a Un Giorno da Pecora su Rai Radio 1 per commentare il focolaio di coronavirus che ha colpito la squadra del Genoa, con 14 positivi tra calciatori e staff. “Stop al campionato? Non siamo ancora in queste condizioni”, ha spiegato il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora. Preoccupa però quale potrebbe essere la situazione del Napoli, che contro il Genoa ha giocato (e vinto 6 a 0) domenica. Il rischio è che possano esserci nuovi contagi tra i partenopei. “Se ci fossero altri casi nel Napoli io, da medico e non da viceministro, direi che la cosa migliore sarebbe fermarsi almeno per 7 giorni. Ci dovremmo comportare come ci comportiamo con i focolai“, ha detto Sileri.

Secondo il viceministro, anche all’interno della stessa squadra “la distanza deve comunque essere mantenuta”. Il Genoa ha scoperto il primo contagio venerdì, quando Mattia Perin è risultato positivo al tampone. “Se da un positivo nella squadra sono diventati 14 vuol dire che il virus è circolato, che non sono state mantenute le distanze. Se abbiamo un tampone negativo non dobbiamo pensare di essere invincibili. Continuare a mantenere le distanze è fondamentale”, ha spiegato Sileri su Rai Radio 1.

Il viceministro inoltre ha aggiunto: “Se c’è una squadra con 14 persone positive, disputare una partita è quasi impossibile. Ora il Napoli deve fare i tamponi ma con una certa tempistica, bisogna aspettare un certo periodo di incubazione che è di 4-6 giorni. Devono andare in quarantena i giocatori che hanno avuto dei contatti stretti, non tutti, ma quelli che sono stati vicini sì”. A proposito dei tamponi, Sileri ha sottolineato che “in alcuni casi sono sopravvalutati, perché è la tempistica dei tamponi che è importante. Non è detto che nella fase di incubazione del virus si risulta positivi al tampone”. E ha concluso: “L’esperienza del Genoa ci insegna che l’uso del tampone andrebbe regolamentato. La quarantena resta il gold standard. Bassetti ha ragione a dire che i tamponi fatti così sono vani. I tamponi devono essere guidati da azioni mediche appropriate”.

Il riferimento è a quanto detto da Matteo Bassetti, ordinario di Malattie Infettive all’Università degli Studi di Genova: “Si pone un problema sull’uso dei tamponi, abbiamo affidato molto a questa metodica dimenticandoci di fare i medici e vedere i segni clinici della malattia”, ha detto Bassetti all’Adnkronos. “L’esame con i tamponi è tutto tranne che perfetto, si può essere negativi, ma dopo poche ore si può essere positivi. Il tampone deve essere governato dalla clinica perché altrimenti si danno ‘patenti’ di negatività troppo facilmente”, ha spiegato Bassetti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Focolaio al Genoa, annullato l’allenamento. Serie A e possibili scenari: attesa per i tamponi del Napoli. Rinvii? Ecco come fanno in Europa

next
Articolo Successivo

Dopo il focolaio Genoa, il campionato in bilico. Zampa: “La Serie A? Va sospesa”. Poi ritratta. Il ministro Spadafora: “Sue parole avventate”

next