Lite in studio tra il parrucchiere delle star e una sua ex cliente, la showgirl Antonella Mosetti. Federico Fashion Style da tempo viene accusato di avere prezzi spropositati nel suo salone, ma la Mosetti ha rincarato la dose: “Ti ho lanciato io nel mondo dei vip quindici anni fa – ha attaccato – non mi hai mai detto grazie, ma con le tue extension mi cadevano i capelli”.

“Meno male che ti vedo qua – ha detto il parrucchiere alla Mosetti – Perché mi hai bloccato sui social e sul telefono”. Alla D’Urso la Mosetti spiega: “Beh mi è arrivata una botta di conto che non ci credevo, seicento euro per delle extension, siamo amici”. E lo incalza: “L’ho detto anche al Grande Fratello: con le tue extension mi cadevano i capelli, erano tutti sfibrati”. A quel punto l’hairstylist risponde: “Tu hai accettato il preventivo, ma tu non pagava mai e mi hai bloccato sul tavolo”.

Ma la lite non si conclude lì: la Mosetti continua ad attaccarlo, definendolo “poco umile” e una persona che “si diverte a parlar male degli altri”. Il parrucchiere ha anche affrontato la questione delle multe per “poca trasparenza”: “La questione è in mano ai miei legali”, ha detto per rispondere a una domanda di Vladimir Luxuria. L’intervista della D’Urso prosegue con la testimonianza di una cliente, Chiara Facchetti, che ha dovuto pagare un conto da 3.550 euro per le extension e il colore. Durante il collegamento ha raccontato di essere anche denunciata per diffamazione dal parrucchiere, che in studio si difende: “Come per tutte le clienti, anche a lei era stato fatto un preventivo – ha spiegato – dieci file di extension da 300 euro l’una. Quindi sapeva quanto avrebbe speso, le cose costose vanno pagate“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francesco Totti va a trovare Ilenia Matilli, la calciatrice della Lazio che si è svegliata dopo 9 mesi di coma: “Sbrigati a guarì”

next