Alessandro Cecchi Paone “smascherato” da Barbara d’Urso? Durante l’ultima puntata di “Live – Non è la d’Urso”, la conduttrice (un po’ infastidita) ha deciso di stuzzicare il suo opinionista. “Cucciolotto, caro mio, io non sapevo che tu avessi un concetto così brutto del mio amato GF. Purtroppo per te un tecnico si è dimenticato di chiudere il tuo audio dietro le quinte mentre intervistavo Gina Lollobrigida. Io le chiedevo se avesse gradito entrare al mio Grande Fratello, tu hai fatto una risatina sottolineando ‘interessante’. Sentite cosa diceva il mio cucciolotto”, ha detto la padrona di casa, che ha trasmesso un fuori onda della precedente puntata del programma dove si sente Cecchi Paone ridacchiare sul “Grande Fratello”. “Sì, un programma interessante…” si sentiva dire, ridacchiando, dal giornalista sul programma condotto per tante edizione da Barbara d’Urso.

Un’esternazione che non è piaciuta per niente alla padrona di casa: “Io penso che tu stessi prendendo in giro il GF che io difendo con le unghie e con i denti. Quindi non trovi interessante il Grande Fratello? Perché quella risata? Sembravi un asino mentre ridevi. Tu prendevi per i fondelli, diciamo le cose come stanno dai”. Cecchi Paone, tra l’altro, è stato uno dei concorrenti della penultima edizione del “GF VIP”, mentre all’inizio degli anni Duemila si era scagliato duramente contro il reality (“Cosa c’entra con la cultura?”).

Così Cecchi Paone si è difeso dalle parole della conduttrice: “Ma no dai, io sono felice di aver fatto un Grande Fratello. Stavo ridendo di Gina, della Lollobrigida. Mi ha fatto ridere lei, non il programma. Ho detto che è interessante, come una mostra o un film. Per me il GF non è solo interessante, ma molto di più. Credo sia un programma con aspetti psico sociali da analizzare”. “Ah, interessante era riferito alla Lollobrigida… peggio ancora!”, è stata la chiosa della d’Urso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ballando con le Stelle, Raimondo Todaro ricoverato in ospedale: non potrà ballare. Parla Elisa Isoardi

next