Voto disgiunto in Toscana e in Puglia? Io, come ho sempre detto, sono sempre leale ai candidati presidenti del M5s, però mi sono dimesso da capo politico a gennaio e da allora non ho gestito più la configurazione del Movimento alle elezioni. E queste regionali andavano gestite diversamente”. Così, a “Otto e mezzo” (La7), il ministro degli Esteri Luigi Di Maio commenta la possibilità suggerita dal direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, agli elettori del M5s circa il voto utile in Toscana e in Puglia per la lista pentastellata e per i candidati presidenti di centrosinistra (Michele Emiliano in Puglia, Eugenio Giani in Toscana).

Di Maio spiega: “Credo che nel 2021 nelle grandi città, come Milano, Napoli, Torino, Bologna, si possa traslare la coalizione di governo, in modo da riuscire ad attuare le politiche di governo anche a livello di queste città importanti. Adesso siamo in ritardo. Questo è un discorso che va fatto con un tavolo nazionale di coordinamento, ma, arrivati a questo punto, io ovviamente sono leale ai nostri candidati. Tuttavia, in 6 regioni su 5 andiamo divisi e addirittura in alcune regioni la coalizione di governo è divisa in tre liste. E questo non fa bene al paese, perché dal governo facciamo delle politiche che poi vanno gestite a livello regionale”.
“Quindi, il vostro reggente Crimi non ha fatto molto bene – replica la conduttrice Lilli Gruber – Mi pare che lei lo abbia detto in modo abbastanza esplicito”.

“Vito Crimi ha tutto il mio sostegno – risponde Di Maio – Ma adesso serve una leadership legittimata, non un reggente”.
Potevate pensarci prima – ribadisce la giornalista – Siccome lei è un esponente molto influente del M5s, forse qualche parolina da dire ce l’aveva anche lei, no?”
Di Maio commenta sorridendo: “Beh, non potete dare la colpa a me adesso che non sono capo politico da 8 mesi, altrimenti in questo paese, ogni volta che c’è da dare una responsabilità al M5s, questa è sempre mia, anche se non ricopro ruolo direttivi nel Movimento. Questo, secondo me, è ingiusto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crisanti a La7: “A costo di tenere più persone in casa, con la febbre oltre i 37 gradi nessuno dovrebbe andare a scuola”

next
Articolo Successivo

Don Ciotti su La7: “C’è una violenza verbale che ha generato e continua a generare altra violenza. Ed è responsabile anche chi conta e predica”

next