“Altro che voti disgiunti, che vuol dire votare turandosi il naso? Che cos’è la cabina elettorale, un cesso pubblico?”. Alessandro Di Battista torna a parlare in pubblico e lo fa dal palco di Bari, dove ha chiuso la campagna elettorale della candidata del Movimento 5 stelle, Antonella Laricchia. Di Battista, nel suo intervento, si è opposto fortemente alla logica del voto utile (che secondo il centrosinistra significherebbe dare la preferenza al candidato presidente, in questo caso, Michele Emiliano). “Il tema delle alleanze distrugge i progetti, vincere è un mezzo non un fine”, ha aggiunto. “Se per voi la Puglia, sotto Fitto e sotto Emiliano, ha avuto un progetto, rivotatela, se invece non lo pensate è chiaro che dovete dare una preferenza totale a Laricchia“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali e referendum, a Bari “indisponibile” il 67% dei presidenti di seggio. Boom di rinunce a Firenze, Genova, Imperia e Savona

next
Articolo Successivo

Regionali Campania, oltre 240 dipendenti del trasporto pubblico di Napoli impegnati nei seggi. “Possibili ripercussioni sul servizio”

next