“Altro che voti disgiunti, che vuol dire votare turandosi il naso? Che cos’è la cabina elettorale, un cesso pubblico?”. Alessandro Di Battista torna a parlare in pubblico e lo fa dal palco di Bari, dove ha chiuso la campagna elettorale della candidata del Movimento 5 stelle, Antonella Laricchia. Di Battista, nel suo intervento, si è opposto fortemente alla logica del voto utile (che secondo il centrosinistra significherebbe dare la preferenza al candidato presidente, in questo caso, Michele Emiliano). “Il tema delle alleanze distrugge i progetti, vincere è un mezzo non un fine”, ha aggiunto. “Se per voi la Puglia, sotto Fitto e sotto Emiliano, ha avuto un progetto, rivotatela, se invece non lo pensate è chiaro che dovete dare una preferenza totale a Laricchia“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali e referendum, a Bari “indisponibile” il 67% dei presidenti di seggio. Boom di rinunce a Firenze, Genova, Imperia e Savona

next
Articolo Successivo

Regionali Campania, oltre 240 dipendenti del trasporto pubblico di Napoli impegnati nei seggi. “Possibili ripercussioni sul servizio”

next