Alexei Navalny è tornato a camminare. Come successo dopo il suo risveglio da settimane di coma farmacologico seguito all’avvelenamento, è lo stesso blogger oppositore di Putin ad aggiornare i suoi sostenitori attraverso il proprio profilo Instagram. E lo ha fatto pubblicando una sua foto mentre scende le scale dell’ospedale Charité di Berlino senza alcun aiuto e senza la flebo. “La strada verso la guarigione è chiara, anche se non vicina – ha scritto – Il telefono nelle mie mani è inutile come un sasso e versarsi un bicchiere d’acqua si trasforma in una vera e propria impresa”.

Navalny ha poi rivelato alcune delle enormi difficoltà che ha dovuto superare nei primi giorni dopo il risveglio. Ha scritto che “di recente” faceva fatica a “riconoscere le persone” e aveva difficoltà a parlare, anche solo a pensare una parola da scrivere su una lavagna fornita dai medici. “Ho le gambe tremanti quando salgo le scale e penso ‘dov’è l’ascensore?'”, continua Navalny, precisando che “molti problemi vanno ancora risolti”. Ma il principale, continua, è già alle spalle grazie ai “fantastici medici”: “Mi hanno trasformato da ‘persona tecnicamente viva’ a qualcuno che ha tutte le possibilità di diventare di nuovo una Forma Superiore dell’Essere della Società Moderna”.

Intanto, la Russia continua a sostenere che non vi siano elementi sufficienti a giustificare l’avvio di un’indagine, come invece richiesto dalla comunità internazionale. Una fonte delle agenzie di sicurezza citata dalla Tass si limita a rendere noto che i tempi della pre-indagine sul ricovero di Navalny, a cura del dipartimento dei trasporti della polizia del distretto siberiano, saranno estesi oltre il limite dei 30 giorni, “fino a che non sarà presa la decisione di avviare o meno un’inchiesta penale“. Il procuratore generale ha invece inviato due rogatorie alla Germania e una alla Francia e alla Svezia per informazioni, senza ricevere risposta.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, picco di casi in Francia: 13.500 in 24 ore. La Germania torna ai numeri di aprile. Uk, Johnson pronto a nuove restrizioni

next
Articolo Successivo

Coronavirus, a Londra centinaia di No Mask in piazza contro il lockdown sfidando il divieto di assembramento: scontri con la polizia

next