“A costo di tenere più persone in casa, con la febbre oltre i 37 gradi nessuno dovrebbe andare a scuola“. Sono le parole del virologo Andrea Crisanti, ospite a L’Aria che tira, su La7. Per il docente di Microbiologia dell’Università di Padova è giusto che la temperatura venga misurata a scuola agli studenti, “anche se non credo sia corretto che il Tar entri in queste questioni”, ha aggiunto in riferimento al caso della Regione Piemonte e del confronto istituzionale che è scaturito coi ministri Lucia Azzolina e Roberto Speranza, “perché potrebbe dare il via libera anche a decisioni sbagliate”. “La soglia di 37,5 non funziona, lo dicono moltissimi studi”, ha precisato Crisanti, “per questo bisogna abbassarla a 37-37,1. L’infezione non deve entrare nelle scuole”.

Video La7

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La7, scontro Santanchè-Lorenzin. “Con reddito di cittadinanza ai Bianchi fabbricate assassini”. “Cosa c’entra? Speri nella catastrofe”

next
Articolo Successivo

Regionali, Di Maio a Gruber: “Voto disgiunto? Io leale a candidati M5s ma avrei gestito diversamente”. “Potevate pensarci prima”

next