Tornano i tifosi sugli spalti degli stadi di calcio tedeschi. Nonostante l’incertezza sull’andamento dei contagi da coronavirus, i 16 Stati federali hanno infatti concordato con il governo di Berlino delle nuove regole per fare in modo che i giocatori non siano soli in campo. Sugli spalti tornano quindi i loro supporter, seppure ridotti: potrà essere utilizzata solo il 20% della capienza degli stadi. Si partirà da venerdì, con la sfida tra il Bayern Monaco e lo Schalke 04. Ma saranno in pratica sei settimane di test: poi, a fine ottobre, dati epidemiologici alla mano si valuterà la situazione.

“Dovrebbe essere una specie di esperimento, un inizio in prova“, ha spiegato proprio il primo ministro della Baviera Markus Söder (Csu). In questo periodo verranno valutati di fatto gli indici di contagio così da prevedere nuove restrizioni qualora si superasse una certa soglia. Prima del Bayern, altri quattro club tedeschi avevano già ricevuto il via libera dalle autorità sanitarie competenti per iniziare la stagione con gli spettatori. Per le partite del Werder Bremen contro l’Hertha e del Lipsia contro il Mainz 05 sono stati ammessi 8.500 visitatori ciascuno (in entrambi i casi ciò corrisponde a circa il 20% della capienza dello stadio). L’Eintracht Francoforte può essere sostenuto da 6.500 tifosi contro la nuova arrivata Arminia Bielefeld. Nello stadio dell’Alte Forsterei, invece, l’Union Berlino ha ricevuto l’autorizzazione per far entrare 5mila persone per la partita contro l’Augusta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quel teatrino sboccato e allegro che ammaliò una nazione da 60 milioni di ct: il Processo di Biscardi compie 40 anni

next
Articolo Successivo

Ricomincia la serie A e tornano i riti scaramantici: buon campionato a tutti!

next