È di 1,5 miliardi di dollari il conto che dovrà pagare Daimler negli Stati Uniti per aver ingannato i clienti sulle emissioni delle sue auto. La casa tedesca, proprietaria dei marchi Mercedes e Smart, ha ottenuto un patteggiamento per risolvere la disputa sul dieselgate che la vede impegnata dal 2017. L’azienda era accusata di aver installato sulle vetture vendute sul suolo statunitense un dispositivo che consentiva di aggirare i limiti per le emissioni diesel.

Uno scandalo che ora potrebbe arrivare pure in Europa, sulla scia di quanto recentemente successo in Germania, dove la Corte federale tedesca ha stabilito un rimborso parziale al proprietario di una Volkswagen dotata del noto defeat device, in grado di ingannare i test di omologazione. Lo scorso febbraio, poi, la stessa Volkswagen ha raggiunto un accordo extragiudiziale con i consumatori tedeschi, offrendo loro un risarcimento compreso fra 1.350 e 6.257 euro, a seconda del modello e l’età del veicolo, per un totale di 830 milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Gran Bretagna scatta “la regola dei sei”: stretta sulla vita sociale per frenare i contagi

next
Articolo Successivo

Trump va in California per gli incendi e dice: “Il clima diventerà più freddo, la scienza non lo sa realmente”

next