Sono nuvole nere quelle che si avvicinano su Mercedes: secondo il quotidiano tedesco Bild am Sonntag, gli investigatori americani avrebbero scoperto un software potenzialmente illegale, studiato per abbattere le emissioni inquinanti dei motori turbodiesel e superare i test di omologazione in maniera fraudolenta. Un qualcosa di molto simile a quanto capitato col dieselgate di Volkswagen.

Il copione sarebbe quello noto: grazie a una funzione denominata “Slipguard”, i propulsori a gasolio sarebbero stati in grado di riconoscere le verifiche di rito, effettuate su banco a rulli, e attivare delle strategie di funzionamento pulite. Un’altra funzionalità, la “Bit 15”, sarebbe stata addirittura capace di spegnere i sistemi di abbattimento delle emissioni dopo circa 26 km di marcia.

Irregolarità che, secondo l’ipotesi di accusa, avrebbero consentito alle auto di immettere nell’aria quantitativi di ossidi di azoto superiore di 10 volte rispetto a quanto consentito dalla legge. Bild am Sonntag ha citato delle e-mail scambiate fra alcuni ingegneri della Mercedes che si sarebbero chiesti se i software in questione fossero legali o meno.

Al momento un portavoce Mercedes ha rifiutato di commentare la notizia, sostenendo che la casa automobilistica stia già collaborando pienamente con le autorità degli Stati Uniti pur nella stretta riservatezza concordata col Dipartimento di Giustizia. Tuttavia multe milionarie e richiami di massa potrebbero essere dietro l’angolo.

“Le autorità conoscono i documenti e non è stata presentata alcuna denuncia”, ha detto il portavoce di Mercedes alla Reuters, aggiungendo che “i documenti disponibili per Bild sono ovviamente stati rilasciati in modo selettivo al fine di danneggiare Daimler ed i suoi 290.000 dipendenti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Skoda, una Superb sbarca su Marte. La presa in giro di Tesla è geniale – VIDEO

prev
Articolo Successivo

Alfa Romeo Sauber F1 Team, ecco le prime immagini della nuova monoposto – FOTO e VIDEO

next