Volkswagen apre ai risarcimenti per lo scandalo Dieselgate. Lo rende noto la stessa casa automobilistica in un comunicato con cui spiega che l’azienda e l’associazione federale dei consumatori vogliono avviare la discussione per la transazione. I pagamenti potrebbero interessare tutti i 440mila clienti che, dopo lo scoppio dello scandalo sui software che modificavano i dati sulle emissioni dei motori diesel, hanno chiesto di essere risarciti dal colosso dell’auto tedesco, con il procedimento giudiziario che è arrivato alla corte d’appello di Braunschweig. “Le discussioni sono appena iniziate e niente garantisce che si concluderanno con un accordo – sottolinea la casa automobilistica tedesca – Le due parti hanno convenuto che le discussioni resteranno riservate” per arrivare a “una soluzione pragmatica nell’interesse dei clienti”.

A settembre la società di Wolfsburg si era trovata a rispondere ad altre accuse arrivate proprio dalla procura di Braunschweig che aveva citato in giudizio i vertici di Volkswagen per manipolazione del mercato. Secondo i pm, gli alti dirigenti hanno informato gli investitori “deliberatamente troppo tardi” sui rischi del Dieselgate. In particolare, l’accusa è rivolta al presidente del Consiglio di sorveglianza, Dieter Poetsch, all’amministratore delegato, Herbert Diess, e all’ex amministratore delegato, Martin Winterkorn.

Secondo la procura, i dirigenti non hanno diffuso, o comunque lo hanno fatto troppo tardi, le informazioni dovute al mercato sui “rilevanti obblighi di pagamento del gruppo, nell’ordine di miliardi, risultanti dalla scoperta del cosiddetto ‘scandalo-diesel’”, avendo in tal modo “influenzato illecitamente le quotazioni in Borsa dell’azienda”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il privato è meglio del pubblico? La Corte dei Conti dice l’opposto. Ma nessuno controlla

next
Articolo Successivo

Scontrino elettronico, dall’1 gennaio obbligatorio per tutti i commercianti (ma senza multe fino a luglio). Ecco cosa cambia

next