Hanno chiuso un pezzo di provinciale, trasformandola in un circuito clandestino per macchine truccate. Per quasi tre ore, infatti, dopo le 23 di venerdì sera, la Sp342 nel Lecchese all’altezza di Nibionno ha ospitato prove su strada non autorizzate: derapate, accelerazioni e curve a tutto gas fra le due ali di folla impazzite. Come in un film della serie cult Fast and Furious.

Il rombo dei motori è stato avvertito da chi abita nelle vicinanze della provinciale. E non sono mancati neppure gli spettatori: secondo le prime informazioni, infatti, erano presenti almeno 300 appassionati, concentrati soprattutto nella zona delle rotonde. Spettatori assiepati e spesso senza mascherina, incuranti delle prescrizioni contro il covid.

Sempre stando alle prime informazioni, il circuito era lungo un paio di chilometri e comprendeva le rotonde tra Nibionno e Bulciago, attrazioni principali per le traiettorie spericolate e pericolose. Nessuno per fortuna si è fatto male. Della vicenda si stanno occupando gli agenti della polizia locale di Nibionno che stanno cercando di fare chiarezza su come è stata organizzata la corsa e chi ne è il promotore.

Alla fine hanno preso parte alla manifestazione clandestina una cinquantina di macchine, forse anche di più, tutte “preparate“. Quelle regolari, infatti, sarebbero state escluse da subito. Le fuoriserie venivano parcheggiate in un luogo riparato, si dice un parcheggio sotterraneo, e da lì poi partivano verso le curve del circuito improvvisato. Gli agenti stanno raccogliendo tutto il materiale per risalire ai piloti che hanno partecipato alla serata. Potrebbero essere stati reclutati attraverso internet, ma anche questo è un aspetto sul quale gli investigatori stanno ancora lavorando.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Auto che sfrecciano e centinaia di spettatori assembrati: le corse clandestine bloccano la provinciale lecchese. I video

next
Articolo Successivo

Funerali Willy, il feretro arriva tra gli applausi. Anche Conte, Zingaretti e Lamorgese in camicia bianca come chiesto dalla famiglia – Video

next