“Mario si è rovinato: quando è cominciata quella rissa lui ha preso le parti di quel Belleggia, quello che ha cantato… Sono tutti responsabili, ma quel cretino che ha chiesto aiuto ai fratelli Bianchi…la lite ormai era finita”. Stefano Pincarelli riassume così il sabato sera in cui è morto Willy Duarte. Suo figlio Mario è uno degli arrestati, ora in carcere. Repubblica lo ha raggiunto nella sua casa di Artena, in provincia di Roma, strappandogli qualche considerazione sulle accuse che coinvolgono il figlio.

“Non è un santo, è un ragazzo irrequieto, esce e beve tutte le sere ma al lavoro è il numero uno”. Quella sera, racconta, “è tornato a casa alle 4.30 e mi ha detto solo questo: dì a mamma che vado a dormire con delle mie amiche, invece è andato a costituirsi“. Non crede a chi dice che Mario sia saltato sopra il corpo di Willy, a terra. “È intervenuto per difendere Belleggia – ripete – Forse aveva bevuto, ma non è certo Totò Riina”.

“Certo non sono troppo ottimista: è indagato per un reato pesante, mi sa che alla fine dieci anni se li fa… Magari gli danno il ‘concorso’, ma 4 o 5 anni mi sa che se li fa. Un po’ di galera gli farà bene, comunque, magari si raddrizza. È un bel ragazzo, ha parecchie ragazze…”. Il padre di Pincarelli poi dice che sua moglie è sconvolta per Willy: “Ci dispiace più per quel ragazzo morto che per il figlio che sta in galera“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gela, bambino di 4 mesi muore “soffocato da un rigurgito di latte”

next
Articolo Successivo

Bari, uccide il fidanzato della ex con 5 coltellate davanti al figlio di 4 anni: 26enne arrestato

next