L’uragano Laura è arrivato sulla terraferma nelle prime ore di giovedì, una tempesta di categoria 4 “estremamente pericolosa“, con piogge torrenziali e forti venti sulla Louisiana e sul Texas, negli Usa meridionali. I residenti che non hanno rispettato l’ordine di evacuazione devono fronteggiare onde potenzialmente alte più di sei metri.
La tempesta ha toccato terra poco dopo l’una del mattino (ora locale) a Cameron, in Louisiana, secondo il National Hurricane Center, che ha avvertito in precedenza che si tratta di una tempesta alla quale non si può sopravvivere (“unsurvivable”). I venti hanno una velocità massima di 240km orari, ma le raffiche possono essere ancora più potenti. Il video, postato dall’account Twitter di Tropical Nick Underwood, è girato in timelapse dentro la cabina di un pilota d’aero che viaggia proprio tra le nuvole della tempesta

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, 21 dipartimenti sono “zona rossa”. A Parigi obbligo di mascherina anche all’aperto: 135 euro di multa a chi non ce l’ha

next
Articolo Successivo

Mediterraneo, gli equilibri cambiano e l’Italia sceglie la Turchia. Ma ci sono dei rischi

next