Una donna di 34 anni è morta ieri, al sesto mese di gravidanza, nel reparto di ginecologia dell’ospedale di Cosenza. Con la giovane è deceduto anche il bimbo che portava in grembo. Lunedì la giovane si era presentata al pronto soccorso accusando dolori addominali, dissenteria, vomito, ma dopo una visita i medici l’avevano dimessa. Ma i dolori sono continuati e due giorni dopo si è dovuta ripresentare all’ospedale Annunziata dove poi la situazione è precipitata. Per questo la Procura ha aperto un’inchiesta, disposto il sequestro della cartella clinica e l’autopsia sul corpo della giovane e del figlio per stabilire le cause della morte. A chiedere l’intervento della magistratura è stata la famiglia della donna, originaria di Longobardi. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha inviato gli ispettori per una prima ricostruzione della vicenda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili