Un bambino di un anno è morto nell’ospedale di Modica (Ragusa), dove era arrivato in condizioni disperate. La polizia ha fermato un uomo: si tratta del convivente della madre del piccolo. Secondo le prime notizie, il bambino presentava dei lividi sul corpo. Non si conoscono ancora le cause del decesso, in attesa dell’autopsia che dovrebbe essere disposta martedì.

Il bimbo, che ha 21 mesi, è arrivato in ospedale a Modica con l’ambulanza del 118, chiamata dalla madre che vive a Rosolini, in provincia di Siracusa, in una casa popolare assieme al convivente di 30 anni, l’uomo che è stato fermato dalla polizia. La donna è stata interrogata dagli agenti del commissariato di polizia di Modica ai quali avrebbe rivelato alcuni particolari ritenuti di primaria importanza, tanto da fare scattare il fermo. A coordinare l’inchiesta è la Procura di Siracusa. Dirige le indagini il sostituto procuratore Donata Costa, col coordinamento del procuratore capo Sabrina Gambino.

Ad avvertire gli inquirenti è stato il medico che ha visitato il piccolo al suo arrivo in ospedale. Stando alle prime testimonianze, è rimasto sotto choc nel vedere i lividi sul corpo del bambino. Gli agenti del commissariato hanno quindi sentito la madre. Le indagini consentiranno di ricostruire la vicenda, maturata in un ambiente estremamente degradato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili