È bastato un attimo di distrazione della madre perché la figlia di 10 mesi mettesse in bocca una pastiglia di detersivo liquido per la lavatrice, finendo in coma. È quanto successo in Scozia, come riferisce il Mirror: Melissa Cairney, 27 anni, stava facendo il bucato quando la piccola Pearce Shepherd che era lì con lei ha morsicato una delle pastiglie con il detersivo. Appena la donna si è accorta dell’accaduto ha subito portato la piccola in ospedale: vomitava e le sue condizioni di salute si sono presto aggravate. Il detersivo le ha causato gravi lesioni allo stomaco e muco nei polmoni: ora è in coma al Royal Hospital for Children di Glasgow dove i medici la stanno tenendo sotto osservazione. Le sue speranze di sopravvivenza sono buone ma non è ancora chiaro se subirà conseguenze sul lungo periodo.

L’incidente è avvenuto lo scorso 31 luglio nella casa di famiglia a Lennoxtown, nell’East Dunbartonshire, dove la 27enne vive insieme al marito Dave Shaepherd, 36 anni, e ai suoi altri quattro figli. È stata lei stessa a raccontare ai tabloid quanto accaduto: “Ero in cucina a preparare la cena e a fare il bucato. Tutti i bambini erano nelle vicinanze. Una delle compresse deve essere caduta dal piano di lavoro sul pavimento – ha ricostruito – e prima che me ne accorgessi, Pearce ne aveva afferrata uno e ne aveva morsicato un angolo. È successo tutto troppo in fretta”. Ora “i medici mi aggiornano minuto per minuto. Ha lo stomaco bruciato dagli acidi del detersivo. È così spaventoso non sapere cosa sta succedendo. So che i prodotti sono velenosi ma non pensavo che avrebbero messo la mia bambina in coma”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fulmine cade a pochi metri da una ragazza e fa esplodere un albero: il video catturato dalle telecamere di sicurezza della casa

next
Articolo Successivo

“Il governo vi mente, via le mascherine”: gruppo di negazionisti fa irruzione al supermercato. Il video

next