“Un boato fortissimo”, poi lo smarrimento, l’incredulità e subito la preoccupazione per la sorte dei propri compagni. A due giorni dall’esplosione che ha devastato Beirut, Roberto Caldarulo, il caporalmaggiore dell’Esercito rimasto lievemente ferito, ricostruisce quei momenti di due giorni fa, quando l’onda d’urto ha investito anche i militari italiani.

“Ricordo un boato fortissimo, indescrivibile. Gli avvenimenti si succedevano molto velocemente, subito dopo l’esplosione c’è stato qualche attimo di smarrimento perché era del tutto imprevisto, ma ringraziando il Signore stiamo tutti bene”, ricorda Caldarulo. Subito dopo, la preoccupazione per i propri commilitoni: “Abbiamo fatto subito un controllo tra noi per vedere se qualcuno stava peggio degli altri, ma tutto bene – ricorda – Io mi sono accorto solo dopo che avevo un po’ di sangue nella mano, ma niente di trascendentale. Ci siamo rasserenati e uniti in un punto di raccolta più sereno e ci siamo calmati. Noi siamo stati veramente fortunati e tante persone purtroppo no”.

La squadra era già pronta per iniziare una nuova giornata. L’esplosione è arrivata proprio mentre “stavamo preparando tutto ciò che serviva per la prossima attività. Per noi era una normale giornata di lavoro“, continua il caporalmaggiore. Dopo il boato i soccorsi sono arrivati rapidamente: “Sono stati quasi tempestivi, nonostante le strade non fossero al massimo della praticabilità – conclude – È stato bello vedere la colonna del contingente italiano di Unifil quando sono venuti a prenderci. Siamo arrivati in base verso l’alba, vedere l’alba è l’inizio di un nuovo giorno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Beirut, l’esplosione fa crollare il soffitto della chiesa durante la messa: la fuga del prete per salvarsi. Video

next
Articolo Successivo

Colombia, decisione senza precedenti: arrestato l’ex presidente Alvaro Uribe per corruzione. È stato trovato positivo al Covid

next