Dovevano esserci anche i suoi amici a manifestare per l’ambiente, e invece Potito Ruggiero, 12 anni, si è trovato da solo nella piazza di Stornarella, un piccolo paese nel Foggiano. “Ci sono rimasto male”. La sua testimonianza, però, non è passata inosservata: anzi, è diventata una delle voci della campagna sulla sostenibilità ambientale del Parlamento europeoVoglio un pianeta così“. Artisti, attivisti, imprenditori e cittadini comuni diventati “green influencer” raccontano sui social “il pianeta che vogliono”: più attento alle energie rinnovabili, alla qualità dell’aria, con cittadini più consapevoli dei danni ambientali causati dai cambiamenti climatici.

C’è Alessandro Gassmann, che chiede all’Europa di agire in maniera “più determinante e determinata” per le generazioni future, e invita i ragazzi a far “sentire la loro voce”. C’è la top model Bianca Balti, che dice di volere “un pianeta dove la preservazione di Venezia sia più importante degli interessi delle navi da crociera, dove si pensi a lungo termine e non al beneficio immediato”. E lancia l’appello: “Ricordatevi dell’ambiente quando andare a votare”. Tra i testimonial anche Lorenzo Baglioni, la webstar Klaus-Tudor Laurini (in arte Klaus), il gruppo musicale Eugenio in via di gioia, oltre al divulgatore scientifico Mario Tozzi e alla conduttrice Licia Colò.

Ma il progetto ospita anche le storie di tanti cittadini che ogni giorno si impegnano per rendere più ‘verde’ un pezzettino di pianeta: come il nonno “plastic-free”, Pasquale Di Marco, che quotidianamente raccoglie la plastica che trova sulla spiaggia. Oppure i “viaggiatori ecologici‘” Valentina La Cara ed Edoardo Manza, che a bordo del loro camper girano l’Italia raccontando il loro stile di vita sostenibile (e ripulendo le varie tappe dai rifiuti). Tra le start up impegnate per l’ambiente, come Too Good To Go, l’app contro lo spreco alimentare o Vaia, filiera solidale che da alberi abbattuti dal maltempo crea prodotti i cui proventi sono usati per ripiantare altri alberi.

La campagna racconta la percezione che gli italiani hanno delle tematiche ambientali e descrive realtà e progetti del nostro Paese. L’obiettivo è diffondere consapevolezza e sensibilizzare sui temi del cambiamento climatico e dello spreco di risorse, ma soprattutto “dare il buon esempio”, ispirando tutti a compiere un gesto – piccolo o grande – per la salvaguardia del pianeta. Tutti possono partecipare alla campagna, condividendo sui social storie di sostenibilità, desideri, o piccoli consigli pratici per la vita di tutti i giorni. Rigorosamente con l’hashtag #vogliounpianetacosì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Orso M49, i dettagli della seconda evasione: “Determinazione fuori dal comune”. Si dimette il dirigente del dipartimento di Agricoltura

next
Articolo Successivo

Diritti animali, chiuso l’allevamento degli orrori a Senigallia: un grande passo avanti

next