Pasquale Stanzione e la costituzionalista Ginevra Cerrina Feroni sono stati eletti all’unanimità rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Autorità per il garante della protezione dei dati personali, che oggi si è riunita nella sua nuova composizione. Gli altri due membri del collegio sono Agostino Ghiglia e Guido Scorza. Ghiglia e Stanzione erano stati scelti dal Senato il 15 luglio, Scorza e Feroni dalla Camera il 14 luglio.

Chi è Stanzione – Nato a Solopaca (Benevento) nel 1945, laurea con lode in Giurisprudenza all’università di Napoli nel 1968, Stanzione inizia giovanissimo la carriera universitaria vincendo in quello stesso anno una borsa di studio e perfezionamento all’università di Camerino, facoltà di Giurisprudenza, dove diventa l’anno dopo assistente incaricato di diritto civile. I suoi studi si indirizzano subito verso la comparazione giuridica, accompagnata alla profonda conoscenza del proprio diritto, che lo porterà molti anni dopo, all’università di Salerno, all’istituzione di un dottorato di ricerca in Comparazione e diritto civile che ha formato studiosi in entrambe le discipline.

Dal 1971 assistente ordinario di diritto privato, arricchisce il suo percorso di numerose esperienze all’estero, come visiting professor e ricercatore a Parigi, Barcellona, Madrid, New York, in Germania. Dal 1974 al 1979 incaricato di Istituzioni di diritto privato a Giurisprudenza a Camerino, nel 1979 si sposta all’ateneo di Salerno. Vince il concorso a cattedra e dal 1980 al 2015 è ordinario di Istituzioni di diritto privato nella stessa università, e nel 1981-84 è presidente del corso di laurea nella stessa facoltà.

Dal 1983 al 1992 dirige l’Istituto di diritto privato all’università di Salerno, dal 1993 al 2000 il Dipartimento di diritto dei rapporti civili ed economici nei sistemi giuridici contemporanei nella stessa università. Nella sua carriera, insegna e ha insegnato anche Diritto privato comparato, Diritto processuale civile, Diritto bancario, Diritto e legislazione notarile e Diritto di famiglia. È membro dell’Associazione italiana di diritto comparato e della Societé de legislation comparée.

Stanzione è autore e coautore di una serie infinita di pubblicazioni tra le quali Manuale di diritto privato (Torino, 2009), Minori e diritti fondamentali (Milano, 2006), Professioni e responsabilità civile (Bologna-Roma, 2006), Il diritto privato della Pubblica Amministrazione (Padova, 2006), Tutela dei soggetti deboli (Torino, 2005), La nuova disciplina della privacy (Torino, 2004), Diritto privato. Lineamenti istituzionali (2003), Il nuovo ordinamento dello stato civile (Milano, 2001).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scontro Minniti-Boschi sui migranti. L’ex ministro: “C’è correlazione tra sbarchi e Covid”. Ecco cosa risponde lei

next
Articolo Successivo

Scostamento di bilancio e piano di riforme, la maggioranza al Senato tocca quota 170. Via libera anche alla Camera

next