L’ombra di Leo Messi proiettata sul Duomo di Milano, con il numero 10 del Barcellona raffigurato durante la sua iconica esultanza con le dita rivolte al cielo. Peccato che l’immagine serva a presentare la prossima sfida dell’Inter contro il Napoli. La locandina è apparsa sul sito della tv cinese Pptv, che ha diritti per le partite di Serie A. Il proprietario del network però è proprio Suning, quindi la stessa famiglia Zhang proprietaria anche dall’Inter. Un indizio? Se lo chiedono tutti gli addetti ai lavori, mentre i tifosi nerazzurri già cominciano a sognare.

Di certo per ora una trattativa è stata smentita da entrambe le parti. L’amministratore delegato nerazzurro, Beppe Marotta, ha parlato di “fantacalcio”, mentre il numero uno blaugrana Josep Maria Bartomeu ha sottolineato che Messi vuole finire la sua carriera a Barcellona. Non è la prima volta che Pptv “gioca” con il calciomercato: prima della sfida col Brescia aveva raffigurato Sandro Tonali già in maglia nerazzurra. Se l’ipotesi di un trasferimento del giovane centrocampista alla corte di Antonio Conte appare oggi probabile, lo sbarco di Messi a Milano resta invece un sogno. Gli indizi però arrivano dalla stessa fonte: la tv di Suning.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Deportivo La Coruña, la retrocessione in terza serie senza nemmeno giocare: l’abisso 20 anni dopo la vittoria della Liga e il ‘Superdepor’

next
Articolo Successivo

Dal tetto d’Europa al purgatorio delle serie minori. Forest, Ipswich, Amburgo e Aston Villa: le storie di quattro nobili decadute

next