Le borse europee chiudono tutte in deciso ribasso sulle nuove tensioni tra Stati Uniti e Cina. Pechino, dopo la chiusura del consolato cinese a Houston, ha infatti chiuso per ritorsione il consolato statunitense a Chengdu e tra la due potenze fioccano accuse incrociate. A Milano il Ftse Mib ha perso l’ 1,8%, Francoforte chiude a – 2%, Parigi giù dell’1,5%, Londra – 1,4%. A metà seduta Wall Street in negativo su tutti i listini. L’aumento delle tensioni fornisce ulteriore spinta all’oro che ha sfondato quota 1.900 dollari/oncia sui massimi da 11 anni. Euro ancora in rialzo sul dollaro e ormai sopra 1,16. Sul mercato obbligazionario intanto il rendimento dei Btp decennali italiani ha oscillato intorno all’1%. Il differenziale rispetto ai Bund tedeschi (spread) scende a 144 punti.

In compenso sul fronte produttivo in Eurozona l’attività economica a luglio è ripartita. L’indice Pmi composito dell’area, che monitora l’attività dei settori servizi e manifatturiero è balzato a 54,8 punti da 48,5 di giugno. E’ il livello più alto da giugno 2018. L’indice, rilevato da Ihs Markit, in base al sondaggio fra i direttori degli acquisti delle aziende, è tornato sopra quota 50 che rappresenta la soglia di demarcazione tra espansione e contrazione del ciclo economico. Nel dettaglio, l’indice Pmi manifatturiero è risalito a 51,1 da 47,4 e quello dei servizi a 55,1 da 48,3.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lo Stato entra nella moda, soccorso pubblico per il marchio Corneliani. Salvi 500 posti di lavoro

next
Articolo Successivo

Ilva, dal sequestro al Green Deal: 8 anni di tradimenti e lavoro in fumo. L’acciaieria è agonizzante e l’ambiente di Taranto non è ancora salvo

next