Tensione in Consiglio regionale, in Toscana, quando Monia Monni ha preso la parola per “denunciare l’atteggiamento delle destre contro le donne”, come lei stessa ha dichiarato. A un certo punto, la consigliera del Partito democratico è stata interrotta dal vicepresidente Marco Stella, di Forza Italia: “A me ‘stai bona’ non lo dici. Né qui né fuori da qui. Ecco cosa volevo denunciare: era proprio questo atteggiamento, questa mentalità”, ha ribadito Monni. Che poi su Facebook ha spiegato: “Il mio intervento stava dando fastidio e qualcuno ha provato a zittirmi“. Il dibattito, in Aula, era nato dopo una mozione della Lega con, al centro, le parole del candidato alle Regionali del centrosinistra, Eugenio Giani, che riferendosi alla sfidante del centrodestra, Susanna Ceccardi, aveva detto definito essere “al guinzaglio” di Matteo Salvini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mes, Zingaretti (Pd): “Molto utile, chiediamolo all’Europa”. Marattin (Iv): “Non c’è un valido motivo per rinunciarvi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Speranza: “Seconda ondata è possibile. Proroga stato emergenza? Orientamento governo è che non siamo fuori”

next