Hanno organizzato una festa di “addio al coronavirus” in un night club e, pochi giorni dopo, in sessantotto sono risultati positivi proprio al Covid-19. È quanto successo a Praga: a confermare la notizia è stata la direttrice dell’ufficio di sanità pubblica locale, Zdeňka Jágrová. All’evento hanno partecipato 17 persone, di cui 15 risultate poi positive, che – ignare di essersi infettate – hanno poi contagiato altri: al momento i casi confermati sono 68 e oltre 120 persone sono state messe in quarantena. Secondo Jágrová si tratta comunque di un numero non definitivo e destinato a crescere: “A quell’evento hanno partecipato diverse persone che hanno a loro volta avuto contatti con altri. C’erano anche alcuni sportivi, dei calciatori”, ha spiegato.

Si tratta di alcuni calciatori delle giovanili o delle riserve dello Sparta Praga, del Bohemians 1905 e del Dukla Praga, la maggior parte dei quali è asintomatica. Secondo quanto ricostruito, ad innescare la catena dei contagi alla festa sarebbe stata una ragazza, che il giorno del party non mostrava sintomi, comparsi solo ventiquattrore dopo.

Le autorità sanitarie non hanno chiuso il night club, dove sarebbero stati rispettati tutti i controlli ed eseguita la disinfezione, mentre dal locale replicano: “Continueremo a misurare la temperatura ai clienti e richiederemo un comportamento responsabile da parti di tutti e segnaleremo chi ad esempio dovesse avere la temperatura alta”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattanza di cetacei alle isole Faroe, la denuncia: “È un massacro, uccisi oltre 252 balene e 35 delfini in pochi giorni”

next
Articolo Successivo

Tredici suore sono morte in un convento a causa del covid-19

next