Vola l’euro dopol’accordo sugli interventi a sostegno delle economie europee raggiunto tra i leader UE nella notte tra lunedì e martedì. La moneta unica si scambia a 1,156 dollari, il valore più alto dal settembre del 2018. Solo nell’ultima settimana la valuta europea ha guadagnato l’1,5% sul biglietto verde e

Deboli viceversa le borse, principalmente a causa di un inasprimento delle tensioni tra Usa e Cina e per i preoccupanti dati sui nuovi contagi arrivati da Hong Kong. L’indice Hang Seng ha chiuso in flessione del 2,2%, Tokyo a – 0,6%. In Europa Francoforte, che ieri aveva rivisto i livelli pre-Covid, perde lo 0,4%. A metà seduta Parigi lascia sul terreno l’1%, Milano lo 0,97%. In flessione anche Londra (-0,8%).

Da segnalare la continua corsa dell’oro (+ 0,8%) a 1.857 $/oncia, con un rialzo nell’ultimo mese di quasi il 6%. Ancora più spettacolare il rally dell’argento, sui massimi da sei anni, a 21,95 dollari/oncia. In un solo mese l’argento segna + 23%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery fund, Borse europee chiudono positive. Euro vicino a 1,15 dollari. Rendimento dei Btp ai minimi da inizio marzo

next
Articolo Successivo

Lo Stato entra nella moda, soccorso pubblico per il marchio Corneliani. Salvi 500 posti di lavoro

next