Da giorni la storia di Luigi, il neonato abbandonato in una culla termica a Bari con un biglietto da parte dei genitori “non possiamo crescerlo. Ti vorremo sempre bene”, sta facendo il giro d’Italia. Il piccolo sta bene e il tribunale per i minori di Bari ha nominato il primario del reparto di Neonatologia del Policlinico di Bari, Nicola Laforgia, tutore legale del neonato. Toccherà poi sempre ai giudici decidere se lasciare il piccolo, nato lo scorso 10 luglio, in ospedale o in una struttura esterna in attesa dell’affido.

Nel frattempo si è scatenato un tam tam enorme, sui giornali, sui social, ovunque. Si è espresso anche il sindaco pronto ad aiutare la famiglia, il Comune , le istituzioni tutte e anche il prete che l’ha trovato si è messo a disposizione. La gente scrive attonita, non ci sta – anche comprensibilmente – a tanta separazione. Si domanda come sia possibile rintracciarli, scrive sperando che leggano e che sappiano che gli aiuti arriveranno. Vorrebbero tutti un finale diverso.

Ciò nonostante la famiglia non esce fuori e forse è così difficile per noi pensare che non vogliano essere raggiunti. Forse, e dico forse, è ora di smetterla di volerla ritrovare a tutti i costi ed è ora di pensare che la maternità e la paternità vanno oltre la sfera biologica e che si può cercare in altri cuori l’amore per quel bimbo.

Ma soprattutto è ora di capire che gli aiuti dati a monte servono di più che gli aiuti promessi dopo, perché nel frattempo si è fatto i conti con quel senso di inadeguatezza, impotenza e frustrazione così difficile da scardinare. Tanto da rendere un riavvicinamento doloroso quanto un abbandono.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, un altro incidente in monopattino: 36enne trasportato in codice rosso in ospedale

next
Articolo Successivo

Roma, ragazza denuncia: “Sono stata violentata in un supermercato a Testaccio”. Arrestato un dipendente

next