Un neonato è stato trovato questa mattina nella culla termica della chiesa di San Giovanni Battista, a Bari. Il sistema, installato proprio per permettere di lasciare un bambino in condizioni di sicurezza, ha avvertito il parroco, don Antonio Ruccia. Accanto al piccolo un biglietto con la data di nascita – 10 luglio 2020 – l’indicazione del nome “Luigi” e un messaggio dei genitori biologici: “Mamma e papà ti ameranno per sempre”.

Il sacerdote ha ricevuto la chiamata intorno alle 8:15. “Ero emozionato perché sapevo cosa significava”. A quel punto ha allertato il 118 e il reparto di Neonatologia del Policlinico di Bari. Subito visitato, il bambino appare in ottima salute. Don Antonio ha anche inoltrato la segnalazione ai carabinieri e al Tribunale per i minorenni: il parroco è stato ascoltato in caserma, dove ha raccontato quel che è successo questa mattina, e adesso si aprirà la procedura per l’affidamento. Per il momento, verrà nominato un tutore legale tra il personale del reparto di Terapia intensiva neonatale fino a quando non verrà scelta una famiglia affidataria.

“Non parlerei di abbandono – dice il professore Nicola Laforgia, primario del reparto – è stato un atto di amore quello dei genitori che hanno lasciato il proprio figlio in un posto dove erano sicuri che sarebbe stato accolto e curato”. La culla termica è stata installata nel 2015 per offrire un’alternativa sicura a chi non desidera tenere un bambino, ma fino ad oggi non era mai stata usata. “Il piccolo sta benissimo – prosegue Laforgia – è stato visitato e non abbiamo rilevato alcuna problematica. Voglio vederci un segnale di speranza. La culla si è riempita in un momento particolare per tutti noi, per quello che abbiamo vissuto durante la fase acuta della pandemia. I genitori hanno portato il piccolo in un luogo sicuro, gli hanno dato una possibilità: è come se oggi rinascesse una seconda volta. Non voglio nemmeno immaginare quanto sia stata sofferta e dolorosa la loro scelta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Genova, 56 camion sul nuovo ponte: il collaudo da 2500 tonnellate del viadotto sul Polcevera

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’assessore del Lazio D’Amato: “Utilizzare mascherine, o si dovrà richiudere”

next