Passata l’emergenza, lo smart working è destinato a mettere radici? Ne abbiamo parlato con i cittadini in strada. “Gli aspetti positivi sono di gran lunga prevalenti”, affermano in molti. Per esempio: “La riduzione dello stress, del traffico e dell’inquinamento; il risparmio di tempo e il contenimento dei costi; la maggiore flessibilità”. “Molti lavori si possono fare da remoto utilizzando le tecnologie, ma bisogna potenziare le connessioni in banda larga“, osservano altri. C’è chi teme: “Da casa c’è il rischio di avere giornate di lavoro ancora più lunghe“. E chi avverte: “Meglio non perdere la componente della socialità”. Qualcuno suggerisce formule miste: “Alcuni giorni si può lavorare da casa e altri in ufficio”. Ma il vero problema, secondo più di una voce, è la necessità di regole chiare: “In Italia siamo ancora indietro, sia a livello di procedure sia a livello contrattuale“. E voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Anpal Servizi, sindacati contro Parisi: “Bilancio approvato solo da lui e piano industriale senza consenso delle Regioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, irregolare più di un’ impresa ogni sei. Quasi 50 mila i contagiati sul lavoro secondo i dati Inail

next