Passata l’emergenza, lo smart working è destinato a mettere radici? Ne abbiamo parlato con i cittadini in strada. “Gli aspetti positivi sono di gran lunga prevalenti”, affermano in molti. Per esempio: “La riduzione dello stress, del traffico e dell’inquinamento; il risparmio di tempo e il contenimento dei costi; la maggiore flessibilità”. “Molti lavori si possono fare da remoto utilizzando le tecnologie, ma bisogna potenziare le connessioni in banda larga“, osservano altri. C’è chi teme: “Da casa c’è il rischio di avere giornate di lavoro ancora più lunghe“. E chi avverte: “Meglio non perdere la componente della socialità”. Qualcuno suggerisce formule miste: “Alcuni giorni si può lavorare da casa e altri in ufficio”. Ma il vero problema, secondo più di una voce, è la necessità di regole chiare: “In Italia siamo ancora indietro, sia a livello di procedure sia a livello contrattuale“. E voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Anpal Servizi, sindacati contro Parisi: “Bilancio approvato solo da lui e piano industriale senza consenso delle Regioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, irregolare più di un’ impresa ogni sei. Quasi 50 mila i contagiati sul lavoro secondo i dati Inail

next