Il secondo giorno del Consiglio europeo “si sta rivelando più complicato del previsto”, perché la trattativa è “in una fase di stallo“. Il motivo lo spiega il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che in una pausa dei lavori spiegaa, in un videomessaggio, che “ci stiamo confrontando duramente con l’Olanda e i Paesi frugali”. Tanti sono ancora i temi su cui c’è distanza, a partire dai sussidi a fondo perduto fino ai prestiti. “Ma serve una sintesi nell’interesse di tutti”, ha concluso Conte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery fund, la seconda giornata del consiglio si chiude senza accordi. Conte: “Siamo in stallo, più complicato del previsto”. I 27 di nuovo riuniti da mezzogiorno di domenica

next