“La situazione è sotto controllo in Veneto: il nostro ceppo di virus ha una carica virale in calo, ci preoccupa invece il virus che viene dall’estero, ed è per questo che bisogna intensificare i controlli da chi viene dal Benin, Serbia, Kosovo, Moldavia, Bangladesh, Congo. Paesi dai quali sono arrivate persone che sono risultate poi infette”. Lo ha sottolineato il presidente del Veneto, Luca Zaia, nel corso del punto stampa. “Ho già detto che il virus non ha più il mitragliatore ma resta un ottimo cecchino. Se poi i proiettili non sono quelli locali ma quelli che vengono da fuori, le cose cambiano”. Zaia, a supporto della propria analogia, ha letto il report dopo il sequenziamento fatto sul virus dei quattro positivi arrivati dalla Serbia: “Il risultato è che ha una carica virale molto elevata ed è diverso da quello isolato in Italia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zaia chiede a cronista di testare il tampone rapido per dimostrarne l’efficacia: “Risultato in 7 minuti”. La scena in diretta streaming

next
Articolo Successivo

Regionali Toscana, la candidata della Lega Ceccardi: “Non sono antifascista. Facile dirsi così oggi con un nemico che non esiste”

next