Lewis Hamilton torna dominatore: con l’amaro in bocca per essere rimasto giù dal podio nella prima gara del Mondiale, l’inglese spinge al limiti la sua Mercedes sull’asfalto bagnato del Red Bull Ring di Spielberg e conquista la pole position. A fianco a lui domenica alle ore 15.10 scatterà Max Verstappen: anche l’olandese cerca i primi punti nella seconda edizione del Gran Premio d’Austria, dopo il guasto meccanico che lo ha messo ko all’esordio. Non cambia nulla invece per la Ferrari: la Rossa è in difficoltà anche sul bagnato, Sebastian Vettel riesce a conquistare un decimo posto, Charles Leclerc scatterà subito dietro, undicesimo.

La pioggia battente che si è abbattuta sulla Stivia ha fatto cancellare le Libere 3 e ha portato allo slittamento del via delle qualifiche, che poi si sono svolte regolarmente. A tenere banco nel finale è stato il duello per la pole tra Hamilton e Verstappen: salvo colpi di scena, saranno loro a sfidarsi anche domani per la vittoria. Carlos Sainz terzo conferma che la McLaren è una bella macchina, al suo fianco scatterà Valtteri Bottas, con l’altra Mercedes. Quinto Esteban Ocon con l’altra sorpresa di questo inizio posticipato di stagione, la Racing Point. Poi Norris (che perderà 3 posizioni in griglia) Albon e Gasly. Davanti a Vettel anche Daniel Ricciardo con la Renault.

Sono così 5 le scuderie a finire davanti alla Ferrari nelle qualifiche: un dato per capire quanti problemi dovranno essere risolti a Maranello (anche velocemente). Una settimana fa la safety car e il fegato di Leclerc avevano tirato fuori dal nulla un secondo posto insperato. Domani la variabile potrebbe essere il maltempo: alla Rossa non resta altro che aggrapparsi agli imprevisti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fernando Alonso torna in Formula 1, nella prossima stagione farà parte del team Renault: “Questa è la mia famiglia”

next
Articolo Successivo

Formula 1, disastro Ferrari: autoscontro tra Leclerc e Vettel al primo giro del gran premio di Stiria, entrambi ritirati. Vince Hamilton

next