Alla fine sono otto i ritiri, con la Safety Car costretta a intervenire in tre occasioni: l’esordio del mondiale di Formula 1 assomiglia più a un bollettino di guerra. Proprio i guasti al motore e le bandiere gialle però rendono il Gp d’Austria uno dei più belli degli ultimi anni, con un grande protagonista: Charles Leclerc. La Ferrari infatti non va, è lenta e lotta nelle retrovie, lontana dal podio per tutta la gara. Poi il giovane monegasco si inventa due sorpassi in fila e fa il miracolo: complici 5 secondi di penalità a Lewis Hamilton, il ferrarista finisce secondo dietro a Valtteri Bottas e davanti a Lando Norris su McLaren, al primo podio nella sua carriera.

Per capire come si arriva a questo incredibile finale di gran premio bisogna riavvolgere il nastro dei 71 giri sul Red Bull Ring di Spielberg. Al via Hamilton retrocesso di tre posizioni in griglia per non aver rallentato con le bandiere gialle durante le qualifiche. Passano pochi giri e c’è il primo colpo di scena soporifero: Max Verstappen, pronto a contendere vittoria e mondiale alla Mercedes, si ritira per un guasto. Al dominio delle Frecce d’Argento, quest’anno in nero, sembra non esserci più un argine: Albon (con l’altra Red Bull) si fa subito superare da Hamilton che in un amen è dietro a Bottas. Le Ferrari invece faticano terribilmente, tra la settima e la decima posizione.

I ritiri fioccano (alla fine appena 12 vetture taglieranno il traguardo) e a rimescolare le carte ci pensa la Safety Car. Ce ne vogliono ben tre per mettere in discussione la superiorità di Bottas e Hamilton. All’ultima ripartenza però la vera impresa la fa Leclerc: il 22enne, pur su una Ferrari proibitiva, decide che è il momento di provarci. Passa prima Norris e poi Perez, nonostante entrambi abbiano una velocità di punta più elevata. Davanti il resto lo fa Hamilton, che allargando la curva per difendersi da un attacco di Albon manda out il pilota Red Bull e si prende 5 secondi di penalità. Alla fine il campione del mondo finisce pure dietro a Norris, che con la McLaren conquista meritatamente il primo podio della stagione.

La prima vittoria dell’anno va al finlandese Bottas, unico a rimanere freddo e costante. Leclerc si prende di forza un secondo posto davvero insperato: la decima piazza di Sebastian Vettel (complice anche un testacoda) deve però ricordare alla Ferrari che la macchina in questo momento è davvero indietro nello sviluppo, nemmeno in grado in condizioni normali di lottare per un podio. Non a caso la lotta è stata con McLaren e Racing Point. L’appuntamento è tra una settimana: stesso posto, stessa ora, stessa pista. Verstappen vorrà correre fino al traguardo, Hamilton vorrà la rivincita. Leclerc aspetta una macchina degna del suo talento per unirsi alla sfida. Intanto in testa al Mondiale c’è Bottas.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, le qualifiche: Bottas in pole davanti a Hamilton. Dominio Mercedes, disastro Ferrari: Leclerc settimo, Vettel undicesimo

next
Articolo Successivo

I piloti di Formula 1 sulla linea di partenza del Gp d’Austria con una maglia contro il razzismo

next