Anche la statua di Melania Trump è stata incendiata e distrutta. La scultura in legno presente poco fuori il paese di sloveno di Sevnica non c’è più. Anzi ne è rimasto solo il troncone annerito alla base su cui era appoggiata. A darne notizia è stato il suo autore, lo scultore Brad Downey, americano ma residente a Berlino che la scorsa notte quatto quatto è andato a recuperare i resti inceneriti della sua Melania. Secondo Downey e le autorità locali la statua è stata presa di mira, simbolicamente, il 4 luglio, giorno dell’indipendenza degli Stati Uniti. La statua stilizzata della signora Trump era stata inaugurata un anno fa nel luglio 2019 ed era alta circa otto metri. La donna era stata raffigurata con il suo cappotto azzurro indossato durante la cerimonia di insediamento presidenziale del 2016. Secondo la Cnn non tutti avevano apprezzato l’erezione della statua della first lady, soprattutto molti abitanti del luogo, nonché suoi concittadini. C’era chi l’aveva definita una “disgrazia” e chi l’aveva paragonata a un “puffo”. La statua di Melania Trump è stata presa di mira in un momento in cui i monumenti dei leader statunitensi e britannici legati a passate esperienze colonialiste o schiaviste sono stati abbattuti dopo lunghe manifestazioni pubbliche. Il marito Donald, tra l’altro, ha recentemente preso una dura posizione contro chi ha compiuto questi atti vandalici, mentre per la distruzione della Melania in legno ancora non ci sono stati commenti da parte della Casa Bianca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbo nato con la spirale in mano, la foto fa il giro del mondo: ma non è come sembra

next
Articolo Successivo

Fidanzati uccisi e fatti a pezzi, i cadaveri nascosti dentro trolley ritrovati tra gli scogli: “Qualcuno sa qualcosa ma non parla”

next