La guardia di finanza di Torino ha denunciato due 50enni, imprenditori del settore dell’automotive, per contraffazione e frode in commercio. Sequestrati oltre 40 mila pezzi di ricambio per auto contraffatti, tutti riportanti marchi delle più prestigiose case automobilistiche. Le due ditte si trovano a Torino e a Carmagnola. In quest’ultima, le Fiamme gialle hanno scoperto un vero e proprio laboratorio del falso. All’interno del capannone, apparecchiature digitali all’avanguardia realizzavano ogni giorno migliaia di ricambi per auto e accessori con i marchi delle più note aziende (estranee ai fatti): Fiat, Alfa Romeo, Lancia e Porsche. I pezzi venivano poi venduti in tutto il mondo, dal Belgio alla Germania fino al Cile e agli Usa. Sequestrati anche i macchinari industriali utilizzati per realizzare la frode.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riabilitazione pazienti post Covid, équipe speciali e protocolli in evoluzione: il percorso nell’ospedale lombardo di Bozzolo

next
Articolo Successivo

Pio Albergo Trivulzio, i commissari regionali: ‘Assenteismo personale fino al 65%, ha portato criticità. Virus entrato prima dei trasferimenti’

next