Quando lo hanno trovato, poco più di un mese fa, aveva ferite alla testa, allo stomaco, alle gambe e alla coda. Hanno dovuto amputargli la coda che aveva mangiato lui stesso mentre si trovava sofferente chiuso dentro una gabbia. I suoi proprietari gli hanno tolto quasi tutti i denti e gli artigli. Il leone Jon si trovava in queste condizioni quando è stato salvato. Era chiuso dentro una gabbia del Cirque de Paris. A salvarlo sono stati gli attivisti per i diritti degli animali del gruppo One Voice che ora ne sono tutori legali. E dove si trova Jon adesso? Nel rifugio per animali Tonga Terre d’Accueil a Saint-Martin-la-Plaine, nella Loira. Lì se ne stanno prendendo cura, e l’animale comincia a stare meglio: ha preso peso e le sue condizioni stanno migliorando. Intanto sulla pagina Facebook di One Voice arrivano aggiornamenti: “Meno di un mese dopo essere uscito dal camion del circo, Jon ha preso 70 chili! In questo 04.07.2020 eravamo a Tonga Terre d’Accueil, al suo fianco per un primo intervento dentale: i suoi canini sono stati devitalizzati, ora non soffre più! Presto avrà delle zanne fatte apposta per lui“, l’ultimo post sul leone che ha fatto commuovere mezza Francia. Forse Jon potrà tornare in Sudafrica ma sarà la corte a doversi pronunciare dopo l’apertura di un procedimento giudiziario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gattino fa un viaggio di 40 chilometri incastrato nel parafango di un’auto

next
Articolo Successivo

Simona Izzo: “Caduta in acqua ‘come corpo morto cade’ nessuno si è buttato a salvarmi”

next