“All’inizio ero spaventato, mi dicevo ‘Nessuno può scoprirlo, non devo dirlo a nessuno‘”. A parlare così durante un’intervista all’Associated Press è il cantante Prince Royce, “re” delle hit latine con video da oltre un miliardo di visualizzazioni all’attivo. Prince Royce ha il covid-19 e ha deciso di parlarne per sensibilizzare chi non segue le regole: “Dopo lo spavento iniziale ho sentito il dovere di doverlo dire alla mia comunità: vivo in Florida, sono di New York, ho una casa in California e sto vedendo quello che sta accadendo in tutto il Paese e nel mondo intero”. Come si accorto di avere contratto il coronavirus? Si è svegliato nel mezzo della notte con un forte mal di testa. Il primo pensiero è stato che fosse colpa del caldo e del sole preso in piscina poi però il malessere è continuato e ha deciso di fare il test. “Ero convinto di lavarmi bene le mani, stavo mettendo la mascherina, sai, vedevo queste cose ogni giorno in tv, ne parlavo con la famiglia su Whatsapp, gli mandavo informazioni, pensavo senza dubbi di non avere nulla perché avevo preso precauzioni”. Come e dove può averlo preso non lo sa ma vuole mandare un messaggio ai giovani: “Ho pensato che fosse giusto raccontare la mia storia perché questa cosa mi sta sconvolgendo, è frustrante vedere la gente nei supermercati senza maschera, è frustrante vedere queste persone che si muovono in maniera irresponsabile e non pensano a proteggere gli altri”. E un appello per il 4 luglio: “Spero che la mia storia possa educare i giovani, le persone che usciranno questo weekend di festa”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Al Bano: “Sto preparano un funerale, ho preso una bara…”. Gelo a La Vita in Diretta Estate

next
Articolo Successivo

“Un collega mi lanciò una sedia perché avevo espresso un’opinione. Poi parlano di ‘troppo amore'”: la conduttrice Georgia Luzi si sfoga

next