Non sembra finire mai il dramma di Fabian El Mago O’Neill, ex calciatore uruguaiano di Cagliari, Juventus e Perugia: dopo un decennio di successi in serie A, l’ex fantasista ora entra ed esce dalle cliniche per problemi al fegato, causati da una dipendenza dall’alcol. L’ultima volta è successo venerdì scorso, 26 giugno, quando “un attacco al fegato molto importante” l’ha costretto al ricovero in ospedale, come racconta la figlia, Martina, a Radio Universal. Ad accompagnarlo in clinica ci ha pensato il figlio Fabio, dopo aver ricevuto una chiamata dalla madre, Andrea, preoccupata per le condizioni del marito.

Mercoledì O’Neill è stato dimesso, ma “il quadro clinico è molto serio e il fegato è ormai compromesso dall’abuso di alcol”, spiegano i medici. Ad aggravare la situazione anche una seria infezione alle vie urinarie. “La situazione è allarmante” continua Martina che chiede di intervenire a chiunque possa aiutare il padre, prima che sia troppo tardi. La ragazza ha già ricevuto molte chiamate di sostegno, tra cui quelle dell’ex compagno della Juventus Zinedine Zidane, mentre l’azienda di radiodiffusione uruguaiana Tenfield si è proposta di pagare il trattamento per aiutare l’ex giocatore a uscire dalla dipendenza dall’alcol.

Secondo quanto riferisce la figlia, adesso O’Neill avrebbe bisogno di un trapianto di fegato che potrà fare, forse, tra un anno solo “se continua a seguire una dieta salutare e smettere di bere”. Infatti, chiariscono i medici, ora il fisico è troppo debilitato per affrontare un trapianto.

L’ex calciatore aveva avuto una carriera di successo tra l’Uruguay e l’Italia. Partito dal Nacional, una tra le più importanti squadre di calcio della massima serie uruguaiana, il fantasista si era affermato in Serie A negli Anni ‘90 giocando per il Cagliari, la Juventus e il Perugia. Durante questo decennio ha collezionato 115 presenze e segnato 11 gol.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mazzola e l’incontro con Padre Pio: “Era il 1965 e ci predisse lo scudetto dell’Inter”

next
Articolo Successivo

Ti ricordi – Michailichenko, l’unico russo vincente in Italia: doveva essere la terza stella della Samp, la su avventura durò solo un anno

next