Alle 21 del primo giorno di attivazione sono stati erogati più di 146mila Bonus Vacanze, per un valore economico complessivo pari a oltre 67 milioni di euro. Il dato viene riportato dall’ufficio stampa del Mibact. Da oggi è possibile richiedere l’incentivo previsto dal decreto Rilancio per sostenere il turismo in Italia dopo l’emergenza coronavirus: per beneficiarne bisogna avere un reddito Isee inferiore ai 40mila euro. Il bonus può essere richiesto soltanto in formato digitale, identificandosi grazie all’utilizzo dello Spid o della carta d’identità elettronica, attraverso la app IO, sviluppata da PagoPA S.p.A. e disponibile gratuitamente negli store online per dispositivi Android e iOS. Sono 451 i nuclei familiari che hanno già speso il bonus nelle strutture ricettive.

“Da oggi è disponibile su IO, l’applicazione dei servizi pubblici (io.italia.it) la nuova funzionalità per richiedere e utilizzare, fino al 31 dicembre 2020, il Bonus Vacanze”, spiega il comunicato congiunto. Sull’app sono stati già erogati più di 110mila incentivi, ma la possibilità di ottenere il Bonus non si esaurisce nella sola giornata odierna: le famiglie che vorranno usufruire dell’agevolazione potranno richiederla durante tutto il periodo di validità dell’iniziativa, quindi fino a fine anno.

Il comunicato ricorda che il bonus offre un contributo fino a 500 euro per soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed&breakfast sul territorio italiano. L’importo dell’agevolazione dipende dal numero dei componenti del nucleo familiare e può essere utilizzato per l’80% sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto alla struttura turistica e per il 20% in detrazione d’imposta nella prossima dichiarazione dei redditi.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus vacanze, al via le domande per l’incentivo fino a 500 euro: ecco come funziona e come richiederlo

next
Articolo Successivo

Ecobonus 110%, la guida delle Entrate: vale anche per singoli appartamenti. Al posto della detrazione si può scegliere lo sconto in fattura

next