I Rolling Stones minacciano di fare causa a Donald Trump se continua ad usare le loro canzoni come colonna sonora dei rally elettorali. Lo riporta la rivista Rolling Stone, spiegando che a provocare la nuova reazione della leggendaria rock band britannica è stato il fatto che Trump abbia usato la canzone “You Can’t Always Get What You Want” durante il comizio di una settimana fa a Tulsa.

I Rolling Stones avevano protestato già durante la campagna elettorale del 2016 contro l’utilizzo non autorizzato delle loro canzoni come colonna sonora di un evento politico. Ma le ingiunzioni dei loro avvocati evidentemente sono rimaste inascoltate, e il presidente ha fatto suonare anche “Heart of Stone” durante le feste per il suo insediamento nel 2017.

Ora però, secondo quanto riferito, la band, con il frontman Mick Jagger e il chitarrista Keith Richards in testa, avrebbe deciso di passare dalle parole ai fatti rivolgendosi ad uno studio specializzato in difesa dei diritti d’autore. “Questa potrebbe essere l’ultima volta che Trump usa una canzone di Jagger/Richards per la sua campagna elettorale – recita una dichiarazione diffusa dalla band – se Donald Trump persiste ed ignora l’ingiunzione, dovrà affrontare una causa“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pietro Taricone, 10 anni fa moriva in un incidente con il paracadute. Marco Liorni: “Un trauma, ricordo ancora quella chiamata”

next
Articolo Successivo

Manuela Arcuri pronta a tornare in tv: “Mi tengo in forma, ho provato ogni dieta ma l’unica che funziona è la dissociata”

next