Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Gennaro Siciliano

Quando vedo il tifo e la partecipazione assurda verso il mondo del calcio da sempre mi pongo delle domande. Penso, immagino immedesimandomi, quale possa essere l’urgenza del tifoso che lo spinge a produrre tante endorfine in presenza di uomini in brachette, i calciatori (straordinari uomini e atleti effettivamente capaci di forza e agilità notevolissime) che durante i match si rincorrono nel campo da gioco rasato a festa.

E notando tra le altre cose: non sarà mica l’importanza dei glutei e delle cosce dei calciatori ad attirare più o meno consciamente tanto clamore? Poi penso che effettivamente anche in altri contesti anche molto meno seguiti vi è la presenza di uomini prestanti. Anche i ballerini sono effettivamente dotati di fasce muscolari così notevoli anche in quelle zone, non può essere solo questo. Non può girare tutto intorno al culo.

Altrimenti i teatri sarebbero sempre colmi ed anche di questi tempi noi ballerini non saremo costretti a casa, bensì ci verrebbe riservato un trattamento identico ai signori del calcio con un tampone ogni 5 giorni e non avremmo nemmeno un secondo libero di tempo – tante le creazioni da realizzare e lo shopping da automobili Lamborghini da definire, oltre all’immancabile visita settimanale dal parrucchiere-architetto per la realizzazione di rasature avanguardistiche sulle nostre capocchie identiche a quelle dei calciatori.

Potrebbe essere un mestiere super sognato dai tifosi e anzi senz’altro lo è. Essere un calciatore per via della forza fisica e mediatica, della totale assenza di massa grassa a favore di quella magra, della presenza di cospicui bonifici sui conti in banca e delle veline in bikini tutte intorno. Nessuna differenziazione tra i tifosi per identità sessuali e di genere: all’occorrenza le veline diventano velini.

Un aspetto meraviglioso che accomuna però tutti gli sport di gruppo è la forza che deriva dal lavoro di squadra e quindi l’orgoglio dopo tanto lavoro e sacrificio di godere delle vittorie meritate. Ma il tifoso tipo durante le partite è sbracato sul divano con mezza anguria accanto, tre chili di pizza e sei birre, che osserva eccitato il suo maxischermo (per i più esagerati un led da almeno 65 pollici). Non vedo molto sacrificio in questa immagine, pur essendo la mia una descrizione-sintesi di quel luogo comune discriminatorio di cui è vittima il povero tifoso medio.

Ma nonostante queste e altre possibilità, nulla mi toglie dalla testa che il motore di tutto questo enorme mercato in cui girano affari per miliardi di euro siano le cosce tornite di questi 22 uomini prestanti che corrono su un prato e si inseguono tutti sudati, si sbattono (termine quest’ultimo utilizzato per descrivere lo scontro involontario durante il gioco fra due o più calciatori) e talune volte si rotolano fingendo infortuni.

Senza contare i momenti di euforia in cui si prendono in braccio, si sollevano immancabilmente a vicenda avvantaggiati nelle prese (alla Steve La Chance di Amici di Maria De Filippi), dal grip garantito dai loro glutei di grès porcellanato in trionfo davanti ai tifosi sudati anche loro e urlanti. È tutto lì. Ne sono certo. Mi perdonerete ma… Nella vita ci vuole culo. E nessuno mi dica il contrario perché non ci crederò.

Dal diario di un lavoratore dello spettacolo non molto entusiasta in questo periodo, ma che continua come tutti, ironizzando qua e là, a sostenere se stesso e la bellezza dell’arte della danza, del teatro e di quel mondo che mi dicono essere essenziale chiamato cultura.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia 90, 30 anni dopo – Milano divisa per Germania-Olanda: gli interisti tifano per Brehme e Matthaeus, i milanisti per i 3 tulipani

next
Articolo Successivo

New York rinuncia alla maratona: scelta saggia. Anche se così ci perdiamo tutti

next