Un ispettore di polizia è finito indagato per abuso di mezzi di correzione ad Agrigento. L’uomo, in servizio al centro d’accoglienza di contrada Ciavolotta, è intervenuto dopo il tentativo di fuga da parte di due migranti, arrivati in Sicilia con uno sbarco e posti in quarantena. Destinatari degli schiaffi e degli insulti due giovani, di cui uno minorenne. La scena è stata immortalata con il cellulare. “Sei l’ospite e devi rispettare la legge, adesso tu dai uno schiaffo a lui”, urla l’agente. Il giovane esegue l’ordine ma, a detta del poliziotto, non lo fa con sufficiente forza. Ed è in questo momento che l’uomo dà l’esempio colpendo con violenza il giovane per due volte. Poi l’invito a ripetere lo schiaffo facendo “l’uomo” e infine l’avvertimento: “E allora non uscire di qua”. Ad assistere alla scena sono stati non solo altri migranti, ma almeno altri quattro agenti. Nessuno di loro interviene o cerca di calmare il proprio collega. L’inchiesta della procura agrigentina è coordinata dalla pm Cecilia Bavarelli, che ha chiesto al giudice per le indagini preliminari di eseguire l’incidente probatorio. I migranti dovrebbero quindi ricostruire l’accaduto, prima che, per via della gestione della loro presenza in Italia, possano essere trasferiti altrove.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Istat: “Se a fine anno rialza la testa, a Bergamo e Cremona la speranza di vita degli over 65 torna ai livelli di 20 anni fa”

next
Articolo Successivo

Milano, tornano le piazze tra proteste contro la Regione e rivendicazioni sociali: tre eventi dal Duomo a Palazzo Lombardia

next