Il presidente della Camera Roberto Fico ha annunciato due secretazioni di atti prodotti dalle commissioni d’inchiesta che riguardano la morte di Emanuele Scieri e il caso Sindona. “Durante l’Ufficio di Presidenza”, ha scritto al termine dell’incontro su Facebbok, “abbiamo aggiunto dei tasselli significativi sul tema delle desecretazioni di atti di commissioni parlamentari di inchiesta proseguendo un lavoro di cui vado estremamente orgoglioso”.

Innanzitutto, scrive, “abbiamo declassificato, consentendone l’utilizzo alle autorità giudiziarie competenti, alcuni atti della Commissione d’inchiesta sulla morte di Emanuele Scieri, un giovane paracadutista della Folgore morto in circostanze misteriose a Pisa il 13 agosto 1999. Si tratta di tre relazioni tecniche e diciannove resoconti di audizioni. Su questa vicenda nella passata legislatura la Camera ha portato avanti un prezioso lavoro di inchiesta”. Il presidente della Camera ha anche specificato che, “il procedimento giudiziario sulla morte di Scieri – riaperto anche grazie all’attività della Commissione che ha operato nella precedente legislatura – è tutt’ora in corso con alcune persone indagate. Il mio accorato auspicio è che si ricostruisca la vicenda e si faccia chiarezza sull’accaduto”.

L’altro capitolo riguarda la morte del banchiere Michele Sindona nel 1986. “Abbiamo inoltre declassificato 18 ulteriori atti provenienti dalla Commissione d’inchiesta sul caso Sindona. A breve saranno pubblicati sul portale delle Commissioni d’inchiesta. Documenti – per un totale di 985 pagine – che tutti i cittadini potranno consultare in modo libero e trasparente”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fenomenologia di Alessandro Di Battista, il ragazzo smarrito che confidava in Beppe Grillo

next
Articolo Successivo

Regeni, l’audizione del presidente del Consiglio Conte in Commissione parlamentare di inchiesta: segui la diretta

next