Il botta e risposta tra Grillo e Di Battista su un’assemblea costituente del M5s? Li conosco entrambi bene dall’inizio del nostro progetto. Sono sicuro che siamo tutti dalla stessa parte, cioè del M5s e del Paese. Grillo e Di Battista hanno solo e soltanto energie positive. E mai come in questo momento di grande difficoltà per l’Italia serve essere uniti e non divisi”. Così, a “Speciale – L’aria che tira” (La7), il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, commenta la polemica tra Beppe Grillo e Alessandro Di Battista circa un congresso necessario per il M5s.

E aggiunge: “Se c’è da dare una mano per permettere che le differenze di vedute possano andare tutte nella stessa direzione, io ci sarò, ma sempre in un’ottica di collaborazione e nella piena fiducia di chi si occupa oggi del M5s, che è Vito Crimi. Il congresso del M5s? Secondo me, i dettagli e l’organizzazione del Movimento sono questioni che approfondirà e spiegherà l’attuale capo politico, Vito Crimi, che ha tutta la mia fiducia. Ma non credo che il congresso sia la priorità per l’Italia. Ci sono preoccupazioni per le imprese, i lavoratori, i giovani disoccupati. E noi – spiega – dobbiamo dare risposte tempestive a queste persone. Io mi dedico a questo. Faccio il ministro e mi voglio dedicare al mio Paese. Sto con Grillo o con Di Battista? Io non credo che ci sia da schierarsi da una parte o dall’altra. Qui facciamo parte della stessa famiglia da anni. Abbiamo costruito insieme questo progetto. Se siamo uniti, come sono sicuro che riusciremo a essere, questo Paese cambia. Grillo e Di Battista vogliono bene a questo Paese e al Movimento. E poi Grillo è il garante, ha fondato tutto e a lui va sempre il mio apprezzamento e la mia fiducia”.

Circa una possibile candidatura del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, alla guida del M5s, Di Maio osserva: “Giuseppe Conte è una persona determinata e ha dimostrato di poter amministrare bene quel ruolo così importante. Se il premier è sicuro di sé, questo è solo un bene per il Paese. Non si è mai iscritto al M5s, ma che sia espressione del Movimento è vero due volte, perché l’abbiamo espresso nel precedente governo e adesso. Se Giuseppe desse una mano al Movimento, io sarei contento, ovviamente nel rispetto del suo ruolo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Di Matteo a La7: “Mancata nomina Dap? Vicenda istituzionale. Perché l’ho raccontata due anni dopo? Risponderò nelle sedi adatte”

next
Articolo Successivo

Di Maio su La7: “Nessuna patrimoniale, dobbiamo tagliare le tasse. Stati Generali? Se non producono leggi, sono solo esercizio di stile”

next