Il governo sta lavorando alle modifiche dei decreti Sicurezza. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, in un’intervista a fanpage.it. “Ci stiamo già lavorando“, ha detto il capo dell’esecutivo. Alla domanda se i testi arriveranno entro la prossima settimana in Consiglio dei ministri, l’inquilino di Palazzo Chigi ha risposto: “Non credo ce la faremo perché siamo molto impegnati su vari fronti, con il piano di rilancio che sta assorbendo molto, ma stiamo lavorando e la ministra Lamorgese ha avuto l’incarico di mettere a punto la versione finale delle modifiche del decreto sicurezza. Quindi – spiega – se non questa settimana, io spero già la prossima potremo ritrovarci al Consiglio dei ministri per approvare le modifiche al decreto Sicurezza“. Modifiche che, sottolinea ancora l’inquilino di Palazzo Chigi, sono “inserite già nel nostro programma con cui siamo nati come governo e abbiamo chiesto la fiducia”.

Una dichiarazione, quella di Conte, che provoca le reazioni dei due Mattei: Salvini e Renzi. “Se il governo vuole abolire i decreti sicurezza io giro gli 8mila paesi italiani e raccolgo milioni di firme per un referendum. E’ una follia“, ha detto il leader della Lega intervenendo a Fuori dal coro, su Rete 4. Di segno opposto il parere dell’ex segretario del Pd, che comunque critica il capo del governo. “Il premier Conte ha firmato i decreti Sicurezza, capisco il suo imbarazzo. Io ho votato contro in Parlamento, per me la modifica di quei decreti è ancora una priorità. Speriamo si faccia”, ha detto il leader di Italia viva, Matteo Renzi, a Cartabianca, su Rai3.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo pone la fiducia al Senato sul decreto Carceri, intercettazioni e l’app Immuni

next
Articolo Successivo

Giulio Regeni, Zingaretti: “Subito tutti i passi per ottenere dall’Egitto le condizioni per avviare il processo ai cinque indagati”

next