“Perché ho parlato dopo due anni della nomina al Dap? Risponderò in sede istituzionale“, così Nino Di Matteo, intervistato da Massimo Giletti a ‘Non è l’Arena’ in onda su La7 torna sulla questione della nomina a capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. E alla domanda sul come si è sentito risponde: “Quella è una vicenda istituzionale quello che umanamente ho provato io non conta nulla me lo tengo per me”. “Se mi sono chiesto il perché? Certo, però ripeto e mi sono dato delle spiegazioni ma non sarebbe serio se le spiegazioni le fornissi, perché sono le mie spiegazioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ascoli Piceno, fermato un infermiere di una Rsa: è accusato di aver ucciso otto anziani pazienti e di altri quattro tentati omicidi

next
Articolo Successivo

M5s, Di Maio su La7: “Congresso? Non credo che sia la priorità per l’Italia. Se Conte desse una mano al Movimento, sarei contento”

next