Uno dei maggiori problemi ancora da risolvere per la futura missione su Marte non è “solo” quello dello della distanza, con una pericolosa esposizioni degli astronauti alle radiazioni, ma quello della lunghezza del viaggio che potrebbe impegnare dai sei agli otto mesi. Ed è quindi interessante dal punto di vista biologico e suggestivo da quello aerospaziale lo studio che ha individuato nel cervello l’interruttore che permette di controllare lo stato di ibernazione: si trova nell’ipotalamo, è stato scoperto nei topi, e potrebbe aprire la strada a potenziali applicazioni sull’uomo, come nuovi trattamenti per le malattie metaboliche e la comprensione di come indurre una sorta di sonno profondo negli astronauti destinati ai lunghi viaggi spaziali come quello appunto verso il pianeta rosso.

Pubblicata sulla rivista Nature, la scoperta si deve ai ricercatori dell’università americana di Harvard, guidati da Sinisa Hrvatin. “L’immaginazione corre quando pensiamo alle potenzialità di indurre stati di ibernazione nell’uomo. Potremmo prolungare la durata della vita? È questo il modo di mandare le persone su Marte?” ha osservato Hrvatin. “Per rispondere a queste domande – ha aggiunto – dobbiamo studiare la biologia alla base del torpore e dell’ibernazione negli animali”.

Per ridurre la spesa energetica nei periodi in cui c’è poco cibo, molti animali vanno in letargo, entrando in uno stato di torpore che è associato a cambiamenti fisiologici, come cali della temperatura corporea e soppressione dell’attività metabolica. Per studiare i meccanismi biologici che sono alla base di questa condizione, i ricercatori si sono concentrati sui topi, che non vanno in letargo, ma sperimentano momenti di torpore quando il cibo è scarso e le temperature sono basse. La ricerca ha mostrato che appena comincia questo stato di torpore, in alcune cellule del cervello dei topi si attiva il gene Fos. È stato visto che il gene è attivo nei neuroni dell’ipotalamo, la regione responsabile della regolazione di temperatura corporea, fame e sete.

Per restringere l’area specifica che controlla il torpore, i ricercatori hanno progettato uno strumento basato su un virus reso innocuo per attivare selettivamente i neuroni e lo hanno iniettato in 226 regioni dell’ipotalamo di 54 animali. È stato visto che i neuroni in una regione specifica dell’ipotalamo, chiamata avMLPA, hanno innescato il torpore quando sono stati attivati. Stimolare i neuroni in altre aree dell’ipotalamo non ha avuto alcun effetto.

L’abstract su Nature

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sla, le mutazioni di un gene che impediscono alle cellule di smaltire i “rifiuti” tra le possibili causa della malattia

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la credibilità dell’Oms è al minimo: troppi errori nella gestione della pandemia

next